venerdì 24 aprile 2015

BICARBONATO DI SODIO



Questa stupenda polvere “miracolosa”, usata in molti modi come deodorante, dentifricio, collutorio, detergente intimo, collirio e per altri usi.. e anch’io lo uso molto, così ieri facendo la spesa ho trovato una nuova marca di bicarbonato dove metteva in bella vista il suo simbolo chimico…

NaHCO3
E ho avuto una folgorazione! Mi sono rivista tra i banchi di scuola, nell’aula di chimica mentre facevo le formule alla lavagna…. Cavoli!!!!
Io ho spesso usato il bicarbonato nella lavatrice alternandola con Soda Solvay …

HO SEMPRE SBAGLIATO!!!!!!

Con le riminiscenze di chimica che mi sono riaffiorate in testa (confermate da un veloce ripasso sui vecchi libri e appunti di scuola) cerco di spiegarvi il perché è meglio non usare il bicarbonato di sodio e la Soda Solvay nella lavatrice.

Quando l'acqua della lavatrice viene riscaldata si forma il calcare cioè il carbonato di calcio che essendo insolubile si deposita all'interno della lavatrice formando le incrostazioni di calcare. e fin qui lo sappiamo tutti ... o quasi.
Come molti fanno, ( me compresa prima dell'illuminazione) dicono e pensano che aggiungendo il Bicarbonato di Sodio non si formi il calcare ... è vero che una parte del calcio e del magnesio presenti nell'acqua si "sposta" verso il Bicarbonato di Sodio dove per un processo chimico si trasforma in bicarbonato di calcio, più solubile del carbonato di calcio, il carbonato rimane eccome, quindi il problema non si risolve. 
Per sciogliere il calcare ci vuole un ambiente acido e il bicarbonato è una base molto debole.
Se laviamo con acqua calda, la temperatura degrada il Bicarbonato trasformandolo in carbonato di sodio (soda solvay) e quindi il problema semmai viene accentuato invece che risolto perchè c'è uno scambio di sodio con il calcio e diventa calcare vero e proprio che precipita nella lavatrice e sugli indumenti. ( e qui stendiamo un velo pietoso sulle marche della soda solvay dove sul retro della scatola ci sono i consigli della nonna che dicono di usarlo anche in lavatrice... nonna siamo nel 2015 aggiornati!!!)

La cosa certa è che aggiungendo il bicarbonato di sodio all'acqua della lavatrice, si ha una soluzione debolmente alcalina e quindi il bicarbonato NON IGIENIZZA, NON ELIMINA IL CALCARE, NON AMMORBIDISCE I TESSUTI E NON SGRASSA!!





ATTENZIONE STO PARLANDO DEL LAVAGGIO IN LAVATRICE!!!

IL BICARBONATO preserva dai batteri solo se in soluzione SATURA!

Quini quante scatole vi servono per un lavaggio in lavatrice?

Continuate a usarlo come deodorante, dentifricio, collutorio, per l'igiene intima e altro.

ECCO ALCUNE RICETTE CON IL BICARBONATO:

DEODORANTE:

- Si può usare puro passando la polvere con un vecchio piumino della cipria direttamente sulla pelle lavata e ancora un pò umida dell'ascella.
- si può usare aggiungendo il bicarbonato all'acqua distillata fino a che non si scioglie più e rimane sul fondo (soluzione satura). Travasate in un contenitore con spruzzino.Ottimo anche per i cattivi odori nella scarpiera.
- si può formare una crema aggiungendo del burro di karitè sciolto a bagnomaria con un pò di olio di mandorle dolci, al bicarbonato e amido di mais (maizena) in parti uguali.
mescolate il tutto e tenetelo un un contenitore, quello riciclato di una crema mani o viso andrà benissimo.

DENTIFRICIO E COLLUTORIO:
- come dentifricio si può usare puro mettendo la polvere di bicarbonato sullo spazzolino per lavare i denti, come collutorio si può fare dei risciacqui con una soluzione satura di bicarbonato. Il bicarbonato non ha un gran aroma, per rendere gradevole il sapore si può frullare la polvere con foglie di menta o salvia fino a rendere il composto impalpabile.

DETERGENTE INTIMO:
- il bicarbonato va bene per la detersione intima, ma non di tutti i giorni. E' più indicato nella fase pre-ciclo  inoltre è un'ottima prevenzione contro la candida. Ovviamente il bicarbonato va diluito in acqua: un cucchiaio a bidet!

spero di esservi stata utile, ma lascio la parola a chi è molto più competente di me in materia!


ciao e buona navigazione
Simosì


Fonti e ricette su:
 mammachimica, promiseland.it dove trovate il collegamento al biodizionario




2 commenti:

  1. Uso regolarmente un cucchiaio di bicarbonato di sodio in aggiunta al sapone in polvere in lavatrice quando lavo i bianchi o poco colorati a 60 gradi e mi mantiene la lavatrice esente da cattivi odori, fresca come fosse sempre nuova ed il bucato mi viene naturalmente morbido e bianco anche asciugato in pieno sole, evita il formarsi muffe e funghi che cagionano problemi alla pelle non solo nella macchina ma anche sui nostri capi intimi, lenzuola ed asciugamani.
    Il bicarbonato NON è un anticalcare, a tale scopo usiamo aceto bianco di vino una volta ogni 6 mesi versandone una intera bottiglia nel cestello della lavatrice a vuoto al massimo dei gradi.

    Il bicarbonato ha ripulito, bonificato, disinfestato da muffe completamente la lavatrice di mia madre da puzzolentissimi residui di ammorbidenti chimici e sapone putrefatto non risciacquato dalla sua moderna lavatrice ad estremo risparmio di acqua, è venuto fuori roba molliccia e scura dallo scarico in 2 o 4 lavaggi, consigliato dal suo tecnico di lavatrici, ma sempre a 60 gradi MAI oltre e MAI mettere candeggina in lavatrice altrimenti corrode le parti meccaniche e perfino l'acciaio del cestellofino a macchiare di ruggine i capi.

    Inoltre periodicamente lavaggi intimi al posto del sapone, consigliatemi dal mio personale ginecologo, per evitare eventuali e fastidiose candide da funghi, ed i piediluvi settimanali ci permettono, in famiglia di avere piedi accettabili ed esenti da cattivi odori per lunghe ore, cosa che con i normali saponi anche profumatissimi non succedeva.

    RispondiElimina
  2. Infatti come ho detto NON è un anti calcare anzi DIVENTA CALCARE.
    Va benissimo in soluzione satura per lavaggi intimi e altro, ho messo anche alcune ricette naturali.
    Ma per la lavatrice, toglierà il cattivo odore, ma a lungo andare la danneggia! proprio perchè è come aggiungere calcare in acqua.
    e non è il bicarbonato che rende morbidi i tessuti ma l'aceto di vino che usi ( anche se è meglio usare l'acido citrico!) Perchè il bicarbonato è una base molto debole.
    forse nel mio blog mi sono spiegata male...
    comunque grazie di essere passato/a nel mio blog.
    ciao ciao
    Simona

    RispondiElimina